TOMBA DEGLI AUGURI

Datazione: seconda metà VI sec.  a.

Anno rinvenimento : 1878

 

La tomba prende il nome da quattro personaggi dipinti appartenenti alla casta degli Auguri, i sacerdoti che prevedevano il futuro osservando il volo degli uccelli.

I soggetti rappresentati propongono giochi funebri in onore del defunto. Sulla parete di destra sono raffigurati: Il gioco crudele del Phersu (l'uomo mascherato che aizza un cane inferocito contro una vittima incappucciata), i lottatori che combattono con le mani poco distanti da un braciere, un sacerdote che da il via alla gara e uno spettatore stizzito dal ritardo di un fanciullo che arriva a porgergli lo sgabello. Sulla parete di fondo, la porta, custodita da due Auguri, rappresenta il trapasso verso l'aldilà.